Come la ricerca finanziata dall’UE può fornire ai consumatori

0
114

Come la ricerca finanziata dall'UE può fornire ai consumatoriTra il 2021 e il 2027, il programma Dell’UE Horizon Europe prevede di spendere circa 100 miliardi di euro per progetti di ricerca. Non sorprende quindi che accademici, rappresentanti dell’Industria e altri inonderanno Bruxelles questa settimana per partecipare all’enorme conferenza “giornate della ricerca e Dell’innovazione”. Il programma è pieno di parole chiave come “innovazione”, “opportunità senza pari” e “networking”. Ma l’agenda europea per la ricerca va ben oltre.

L’Unione europea registra un punteggio elevato in termini di standard di vita rispetto a molte altre parti del mondo. Ma persistono notevoli disuguaglianze sia tra i paesi che all’interno di essi, e questi divari potrebbero in realtà ampliarsi. I pazienti, ad esempio, trovano sempre più difficile accedere ai farmaci di cui hanno bisogno a causa dei Prezzi alle stelle. La povertà energetica sta colpendo circa il 10 per cento dei consumatori in tutta Europa.Ogni giorno sul mercato entrano nuovi prodotti e nuove tecnologie che pretendono di rispondere alle esigenze dei consumatori. Alcuni sono davvero molto utili per i consumatori – pensare orologi GPS o alcune applicazioni per la salute. Altri, tuttavia, non soddisfano le aspettative dei consumatori o non sono sufficientemente sicuri. Assumere ad esempio medicinali senza alcun beneficio terapeutico aggiuntivo. Il gruppo di consumatori Tedesco Stiftung Warentest ha recentemente testato 2.000 farmaci da banco e valutato un quarto di essi come “inadatti” a causa del fatto che la loro efficacia era insufficiente o bassa rispetto agli effetti collaterali.

A volte, invece delle nuove tecnologie, la vita dei consumatori può essere migliorata al meglio attraverso modelli alternativi per il consumo e le imprese. Tra questi figurano, ad esempio, l’agricoltura sovvenzionata dalla Comunità, le automobili e le biciclette in comune, e i modelli di business innovativi in cui le aziende (ad esempio nel settore alimentare) danno voce in capitolo sulle caratteristiche e sui prezzi di un prodotto. Purtroppo, tuttavia, i responsabili politici DELL’UE sembrano dare meno attenzione e sostegno alle innovazioni sociali in contrasto con quelle tecnologiche.

Il programma Horizon Europe ha il potenziale di offrire enormi benefici ai consumatori, a condizione che offra opportunità adeguate per l’impegno della società civile, sostenga l’innovazione socialmente significativa e garantisca che la società recuperi i benefici degli investimenti pubblici.

Come appare la politica di ricerca dell’UE a favore dei consumatori?

Come appare la politica di ricerca dell'UE a favore dei consumatori?L’UE è impegnata a conseguire gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Questo dovrebbe essere il punto di partenza per valutare se le decisioni politiche sui finanziamenti siano le migliori per le persone. Il miglioramento della salute dei cittadini è un obiettivo importante di questa agenda e Horizon Europa può contribuire al progresso in questo settore dando priorità alle esigenze di sanità pubblica. Ciò significherebbe che l’Unione europea attribuirebbe condizionalità ai finanziamenti pubblici per garantire che i medicinali sviluppati con il denaro dei contribuenti siano accessibili ai consumatori. Inoltre, per massimizzare la condivisione delle conoscenze, la Commissione Europea dovrebbe garantire che i beneficiari del finanziamento concedano l’accesso alle proprie pubblicazioni e ai propri dati in materia di ricerca, garantendo nel contempo il pieno rispetto delle norme UE in materia di protezione dei dati.

Il settore chimico sarà certamente un grande beneficiario dei fondi comunitari per la ricerca. Ciò è accettabile, poiché abbiamo bisogno di innovazione per migliorare, rendere più sicure e sostenibili le nostre case future, i medicinali e i computer. Ma anche in questo caso, l’interesse pubblico dovrebbe essere il primo. Limitare l’esposizione a sostanze pericolose come i disgregatori endocrini è fondamentale per promuovere ambienti sani. Oggi, le sostanze chimiche presenti in tazze di caffè, giocattoli, dentifricio e molti altri prodotti troppo spesso espongono la salute dei consumatori a rischi inaccettabili. Horizon Europe deve contribuire a ridurre questa esposizione sostenendo lo sviluppo di sostituti più sicuri e sostenibili, comprese le soluzioni non chimiche (come gli shampoo solidi invece di quelli liquidi che sono confezionati in plastica e necessitano di conservanti per prolungare la loro durata di conservazione).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here